pipistrelli e città - LIPU sezione di Padova

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

pipistrelli e città

NATURA > BIODIVERSITA'

2011-2012 ANNI DEL PIPISTRELLO


La Convenzione sulla Conservazione delle Specie Migratrici della Fauna Selvatica (CMS) e EUROBAT S hanno ideato la campagna internazionale “Anno del pipistrello” per i due 2011-2012 al fine di interessare l'opinione pubblica aulle 1100 specie di pipistrelli nel mondo. Di queste la metà è considerata dall'IUCN a rischio o minacciata per la perdita del loro ambiente naturale a seguito dell'espansione antropica e della distruzione dei siti di rifugio, per la persecuzione diretta, per gli insetticidi agricoli e le malattie.
I pipistrelli hanno effetti benefici sull'ambiente sia perché le specie insettivore controllano gli insetti dannosi all'agricoltura e fastidiosi nelle città, come le zanzare, sia perché le specie frugivore e nettarivore impollinano le piante e ne disperdono i semi.  Non a caso il 2011 è sia anno delle foreste sia dei pipistrelli proprio per l'azione positiva che questi animali esercitano sulle foreste tropicali e temperate.

PIPISTRELLI CITTADINI


LE BAT BOX NON BASTANO SERVE UN AMBIENTE SANO E VARIEGATO

In città convivono con l'uomo diverse specie di pipistrelli di cui spesso ignoriamo l'esistenza.
In questo periodo diverse amministrazioni e privati cittadini hanno provveduto ad istallare casette da pipistrelli sugli edifici nella speranza che questi aiutassero a contenere le fastidiose zanzare. La campagna mediatica che ha accompagnato questo modo di pensare ha di certo ribaltato per molti l'opinione negativa che ancora sopravvive a proposito di queste affascinanti creature della notte.
E' molto difficile però che i pipistrelli  (o chirotteri) utilizzino dei ricoveri, come le bat box o bat board preparate apposta per loro, se l'ambiente attorno non è favorevole alla loro presenza! Un luogo senza dubbio adatto all'insediamento è invece quello in cui sono presenti nelle vicinanze del rifugio una vegetazione abbondante e diversificata e dell'acqua corrente, caratteristiche che assicurano disponibilità di insetti da mangiare nelle diverse stagioni.  Questi presupposti non significano che i centri abitati non siano adatti ai pipistrelli, ma semplicemente che le probabilità che questi insettivori siano presenti nelle bat box, almeno in piccoli gruppi o in singoli individui di "passaggio", aumentano se in zona ci sono parchi urbani vasti e  diversificati e corsi d'acqua non troppo ripuliti dalla vegetazione lungo le rive.
Delle 34 specie di chirotteri italiani solo una parte vive nelle abitazioni umane come adattamento secondario data la somiglianza degli edifici agli ambienti di grotta o rupestri di provenienza ai quali possono fare ritorno, in molti casi, per l'ibernazione invernale. Per diverse specie di chirotteri si osserva una certa variabilità nella scelta dei rifugi in funzione della stagione ( es. edifici in estate e grotte in inverno) o della disponibilità ( es. cavità di alberi o fessure di mura, ponti ed edifici), motivo per cui tra le specie elencate di seguito abbiamo cercato di sintetizzare gli ambienti antropici solitamente preferiti.

PIPISTRELLI CHE UTILIZZANO AMBIENTI AMPI ENTRO EDIFICI

Alcuni pipistrelli come gli orecchioni (non sempre), i rinolofi ed alcune specie di Myotis necessitano di ambienti spaziosi come soffitte, parti di ville, solai, torri, ghiacciaie e non utilizzano le bat box; per loro la vita a contatto con l'uomo diviene via via più difficile per la crescente penuria di edifici dismessi o con condizioni di luce, umidità , temperatura adatte in cui questi possono insediarsi senza che vengano lamentati da parte dell'uomo problemi di convivenza. Sono queste specie quelle più in pericolo e per le quali occorre concentrare gli sforzi di salvaguardia; per loro inoltre in questi anni sta rappresentando un enorme problema il turismo e la frequentazione di grotte, bunker e delle svariate cavità ipogee fino a pochi anni fa meta di pochi e discreti visitatori.

PIPISTRELLI CHE UTILIZZANO FESSURE ENTRO EDIFICI

Altre specie invece necessitano di fessure e piccoli anfratti e per questo motivo sono più difficili da notare; tra di queste ci sono il  Vespertilio mustacchino
(Myotis mystacinus),  il Serotino (Eptesicus serotinus), il Serotino di Nilsson (Eptesicus nilssonii), il Molosso di Cestoni (Tadarida teniotis)  ed i più comuni  Pipistrello nano (Pipistrellus pipistrellus) e Pipistrello pigmeo (Pipistrellus pygmeus), il Pipistrello albolimbato (Pipistrellus kuhlii) ed il Pipistrello di Savi (Hypsugo savii).

LE LINEE GUIDA NAZIONALI

Per la conservazione di tutti i chirotteri che colonizzano gli edifici antropici il Ministero dell'Ambiente ed il GIRC  (Gruppo Italiano Ricerca Chirotteri), hanno predisposto delle linee guida che stabiliscono i vincoli e le pratiche da seguire in caso di occupazione di edifici o manufatti vari e nei casi di ristrutturazione o interventi in costruzioni pubbliche e private. " Agnelli P., Russo D., Martinoli M. ( a cura di), 2008. Linee guida per la conservazione dei Chirotteri nelle costruzioni antropiche e la risoluzione degli aspetti conflittuali connessi. Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Gruppo Italiano Ricerca Chirotteri e Università degli Studi dell'Insubria"
.

LE SPECIE CHE UTILIZZANO LE BAT BOX SU EDIFICIO

Le specie tra quelle elencate che più spesso utilizzano le bat box su edificio durante la buona stagione sono il Pipistrello albolimbato
, il Pipistrello di Savi, il Pipistrello nano ed il Pipistrello pigmeo.
Molto occasionalmente e solo nell'areale di presenza possono utilizzare le bat box su edifici il Vespertilio mustacchino, il Serotino e l'Orecchione bruno (Plecotus auritus).

I PIPISTRELLI FORESTALI CHE USANO LE BAT BOX SU ALBERO

Un'ultima categoria di pipistrelli che in certi contesti possono avvicinarsi alle abitazioni umane è quella dei pipistrelli forestali, ovvero quei pipistrelli che cercano rifugio nelle cavità e fessure degli alberi.  Anche queste specie trovano limitazioni alla loro sopravvivenza nella gestione dei boschi, dei parchi urbani e delle fasce di vegetazione riparia che prevede il taglio degli alberi maturi, di quelli malati o cavitati. Alcune amministrazioni pubbliche per esempio, come il Comune di Padova di cui abbiamo esperienza diretta, tendono a sostituire la maggior parte delle alberature urbane di pregio con giovani alberelli ornamentali a crescita limitata che svantaggiano svariate specie animali e non assolvono alle innumerevoli funzioni proprie del verde urbano.

Tra i chirotteri forestali ci sono le nottole e tra queste  la Nottola minore o di leisler
(Nyctalus leisleri) é sicuramente la più antropofila ed in grado di utilizzare le bat box su albero.
Il Vespertilio di Bechstein
( Myotis bechsteini), il Vespertilio di Daubenton ( Myotis daubentonii) ed il Vespertilio mustacchino ( Myotys mystacinus) possono utilizzare edifici o cavità di alberi e molto più raramente le bat box.

AI PIPISTRELLI NON SERVE LA FALSA PROPAGANDA


Moltissimi pipistrelli rimangono fedeli ai loro siti riproduttivi e di svernamento per anni, a volte decenni, e quindi qualsiasi danno a questi ambienti compromette la loro presenza e sopravvivenza in natura
.
Proprio perché ci sono tante specie diverse di pipistrelli e tante tipologie di rifugi utilizzati non è assolutamente immaginabile che un qualsiasi soggetto, pubblico o privato, pensi di usare le bat box come strumento per compensare interventi dannosi nei confronti dei pipistrelli, per dimostrare una sensibilità ambientale in realtà poco polposa o per illudere la popolazione della presunta capacità dei pipistrelli di eliminare in toto le zanzare!
I pipistrelli sono animali utili ed indispensabili al mantenimento della biodiversità ma non possono essere motivo di propaganda politica.
Non basta fornire ai pipistrelli le bat box, servono misure che tutelino le loro colonie, limitino i trattamenti chimici dannosi alla stessa salute umana ed interventi che conservino la diversità ambientale!

Dove l'ambiente è più sano e variegato si conservano i  pipistrelli e gli altri mammiferi,  gli anfibi,  i rettili,  gli uccelli, gli insetti e tutti i preziosi alleati che limitano le eccedenze di alcune specie e ristabiliscono gli equilibri naturali.

vai alla PAGINA BAT BOX


Torna ai contenuti | Torna al menu